Facebook Page

Login

Cerca

Giornalino Regionale

Ritira la tua copia

presso le nostre Sedi

Manuale Portalettere NEW

Manuale Portalettere

Noi Consulenti

Pressioni Commerciali

ormai un malessere psico-fisico

Ritira la tua copia

presso le nostre Sedi

Clicca sull'immagine

per il formato PDF

 

 

 

POSTE ITALIANE SPA
RESPONSABILE R.U. SUD 2
CAPO RELAZIONI INDUSTRIALI
P.C. RESPONSABILE M.P. SICILIA
RESPONSABILE RAM LL.SS.
RESPONSABILE A.L.
RESPONSABILE CMP LL.SS.
DIRETTORI DI FILIALI LL.SS. SICILIA
RESPONSABILE CORPORET
SEGRETERIA NAZIONALE SLP-CISL


Oggetto: ferie " diritto e regole o strumento di ricatto"!?


Gli Accordi recentemente siglati tra Azienda e OO.SS. che hanno consentito l’introduzione di talune misure che guardano anche all’organizzazione della vita delle famiglie dei lavoratori, invece che semplificare e rendere facilmente fruibili alcuni diritti, stanno creando parecchia confusione e divisione nella categoria per effetto di interpretazioni aziendali.
Sarà forse per effetto di una scarsa comunicazione tra le diverse funzioni aziendali, sarà più probabilmente per la tentazione di trasformare, ancora una volta, in strumento di ricatto un’azione strettamente organizzativa, fatto è che il panico regna sovrano e l’argomento “programmazione ferie” tiene banco in tutte le strutture aziendali, sia di ambito MP, PCL, ecc. Purtroppo il “fenomeno” non è nuovo ed anche in quest’ occasione, qualche “gestore” sul territorio non ha perfettamente inteso lo spirito dell’accordo, "convincendosi" che si tratti magari di una misura che delimiti i confini di un pieno diritto, arrogandosi l’idea di pianificare esso stesso non solo la vita degli Uffici ma anche quella delle persone. Non è proprio così, anzi, l’obiettivo era proprio quello di eliminare l’elemento discrezionale spesso nella “disponibilità” del capo di turno e consentire il necessario riposo al lavoratore, senza per questo penalizzare l’esigenza del servizio.
Ciò detto, emergono prontamente una serie di contraddizioni che, in questi giorni, (anche dopo le cd. linee guida aziendali) stanno minando seriamente il clima degli Uffici: che senso può avere richiedere la programmazione delle ferie in tempi “anticipati” quando ancora non si conosceva il piano di chiusura degli Uffici Postali? Adesso che si fa, si riprogramma tutto? Oppure ci si deve aspettare che il secondo step di autorizzazione blocchi tutto magari dopo che nell’Ufficio i lavoratori avevano trovato la quadra? E come gestire le diffuse carenze di risorse nel periodo di programmazione? Negando autorizzazioni ed il gioco è già fatto?
E chi ha imposto che nei primi giorni di ogni mese è “tassativamente vietato” concedere ferie? Per non parlare di PCL dove le programmazioni sono a rischio almeno sin quando non si conoscono in che misura avverranno (o non avverranno proprio) le assegnazioni di risorse CTD.
Dispiace se qualche novello “padrone di bottega” se la prenderà, ma crediamo sia utile puntualizzare che, tanto per cominciare, non rientrano nella programmazione annuale i permessi retribuiti (PIR), né le giornate di libertà compensative (festività soppresse). E a nulla valgono le fuorvianti comunicazioni che dalle Filiali o dalle RAM piombano sugli Uffici e sui Centri che, invece di rasserenare il clima, gettano più benzina sul fuoco.
E infine, come si vogliono considerare i molti lavoratori che, in Sicilia, sono ancora in credito di giorni dello scorso anno e si ha persino il coraggio di negare loro le ferie?
Le ferie sono una cosa seria e non possono essere gestite e governate in toto da persone diverse che non siano i legittimi fruitori e sarebbe ora anche di finirla, da parte di qualche zelante Capo, associare anche più lievi cambiamenti ad una sorta di improvviso “ciclone” pronto ad abbattersi sui malcapitati lavoratori, utilizzato come leva di ricatto e di minaccia sui posti di lavoro.
Ma veramente in quest' azienda "qualcuno" gode d’immunita' e per conseguenza ci si è convinti di poter minacciare, ricattare, offendere i lavoratori, soprattutto i più deboli ?

Ci auguriamo un ravvedimento veloce perché il clima è divenuto "incandescente".
Distinti saluti.

Palermo lì, 18 maggio 2018

 

IL SEGRETARIO REGIONALE SLP-CISL SICILIA
(Giuseppe Lanzafame )

 

Allegati:
Scarica questo file (DENUNCIA MAGGIO ferie.pdf)Denuncia Ferie [ ]

Il sito web della slp cisl Ragusa Siracusa utilizza i cookie per rendere i propri servizi semplici e efficienti per l’utenza che ne visiona le pagine. Gli utenti che accedono al Sito, vedranno inserite delle quantità minime di informazioni nei dispositivi in uso, che siano computer o periferiche mobili, in piccoli file di testo denominati “cookie” salvati nelle directory utilizzate dal browser web dell’utente. Vi sono vari tipi di cookie, alcuni per rendere più efficace l’uso del Sito, altri per abilitare determinate funzionalità.

per consultare l'informativa  completa clicca al seguente link  "informatica cookies"